IFS-Food-Version-6.1

SEMINARIO GRATUITO: IFS 6.1, COSA CAMBIA?

Milano, 23 marzo 2018 (ore 15.30 – 17.30) 

c/o AICQ Centronord – Via Mauro Macchi 42

SEMINARIO GRATUITO

“IFS 6.1, COSA CAMBIA?”

Nucleo Alimentare di AICQ Centronord – Nuova versione dello Standard IFS Food

Presentazione:
L’IFS ha recentemente pubblicato una nuova versione dello Standard IFS, con impatto sul protocollo di audit, l’attività degli enti certificatori e sui requisiti applicabili.
Programma:
– 15.00  Registrazione partecipanti.
– 15.30  Avvio dei lavori con il seguente programma:
•    Presentazione AICQ CentroNord (Presidente);
•    Tempistiche di applicazione, Protocollo di audit, Selezione dell’Ente Certificatore e accordi contrattuali, Tipo e scopo di Audit, Processo di certificazione, Attività di IFS Integrity Program. Requisiti degli Enti di Accreditamento, Requisiti degli Organismi di Certificazione, Requisiti degli Auditor, Report di audit; requisiti del certificato, Audit non annunciati, (Luisa Maria Reina);
•    La nuova terminologia per la frode alimentare, la gestione allergeni, i requisiti per la frode alimentare (Massimo Raio).
– 17.30  Conclusioni e dibattito.

Relatori:
LUISA REINA – Ispettore tecnico Accredia DL – DT, Valutatore In Office IFS Integrity Program Perito del Tribunale di Milano, Consulente di Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare.
MASSIMO RAIO – Già Responsabile Assicurazione Qualità nei Gruppi Unichips e Ventura, consulente libero professionista e Auditor di Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare. Docente IFS.

Per raggiungere la sede:
In metro: Linea metropolitana M2 Verde fermata “CAIAZZO”, Linea metropolitana M3 Gialla fermata “CENTRALE”.

Modalità di iscrizione:
Basta semplicemente mandare una mail a segreteria@aicqcn.it.

sportello alimentare

Sportello Alimentare di FEBBRAIO 2018

E’ uscito lo Sportello Alimentare di FEBBRAIO 2018

Molti eventi riguardanti il settore alimentare, tra i quali:

IFS 6.1, cosa cambia?
(23 marzo 2018)
AICQ CentroNord – Via Mauro Macchi 42, Milano
Info-
Iscrizioni- segreteria@aicqcn.it

Biosalute – 9° Fiera dei prodotti biologici e del benessere
(9 – 11 marzo 2018)
Santa Lucia di Piave (TV)
Info- http://www.biosalute.eu/

E molte news dal settore:

Francia: latte della Lactalis venduto dopo l’allerta. Anche in Italia il sistema di richiamo dei prodotti presenta grosse lacune

Acrilammide: come ridurre la sostanza cancerogena che si forma nel pane, patate fritte e caffè? I consigli per consumatori e professionisti in vista del nuovo Regolamento europeo

Per consultare e scaricare il bollettino completo clicca qui!

safety auditor

NUOVO CORSO PER AUDITOR SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA

Milano,15-16 e 20-21-22 marzo 2018

NUOVO CORSO PER AUDITOR

SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA

– SAFETY AUDITOR –

BS OHSAS 18001:2007 – ISO 45001:2018

Valido come aggiornamento RSPP/ASPP per tutti i Settori Ateco n. 3 crediti

(40 ore modulare)

Il corso si propone di fornire la preparazione specifica per l’organizzazione e l’esecuzione degli Audit secondo lo standard BS OHSAS 18001:2007 e la nuova ISO 45001:2018 per il periodo transitorio di tre anni secondo la IAF 21.
Durante il corso vengono presentate le principali tecniche di auditing con esercitazioni pratiche di gruppo, simulazioni di audit e preparazione della relativa documentazione.

Destinatari

Il corso è rivolto a Consulenti e Professionisti che, oltre ad aver già acquisito adeguate conoscenze tecniche e maturato esperienze connesse alle attività aziendali delle problematiche della Sicurezza, abbiano già buone conoscenze dei contenuti del Sistema di Gestione della Sicurezza secondo lo standard BS OHSAS 18001:2007 e in parallelo la nuova ISO 45001:2018.

>> scopri di più dalla brochure del corso

risorse umane

“IMPORTANZA DELLA QUALIFICAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI GESTIONE UNI EN ISO 9001”

Contributo del Dott. Giovanni Mattana
Articolo estratto da U&C n.1 – Gennaio 2018

“IMPORTANZA DELLA QUALIFICAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI GESTIONE
UNI EN ISO 9001”

1-LO SCENARIO: IL RUOLO STRATEGICO DELLE RU NELL’ECONOMIA E NELLO SVILUPPO DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLE NAZIONI
Già vent’anni orsono Robert Reich, Ministro del lavoro USA diceva: “Stiamo assistendo ad una trasformazione che altererà l’organizzazione della politica e dell’economia del prossimo secolo. Non ci saranno più prodotti o tecnologie nazionali, né esisteranno aziende e industrie nazionali. I principali cespiti attivi di una nazione saranno costituiti dalla professionalità e dalla creatività dei suoi cittadini”.
Ora, nel documento del World Economic Forum ’The Human Capital Report 2016’, si parte dal fatto che la quartarivoluzione industriale…

2- IL RUOLO STRATEGICO DELLE RISORSE UMANE NELLA UNI CEN ISO 9001
Non andrebbe mai dimenticato che la ’PARTECIPAZIONE ATTIVA DELLE PERSONE’ è uno dei sette Principi base dellaGestione per la Qualità; la Norma ISO 9000 ne presenta esplicitamente il fondamento logico, i benefici attesi, lepossibili azioni.
È forse utile richiamarne, in merito, alcuni requisiti specifici della ISO 9001, il cui rispetto dovrebbe essere necessario per…

3-ESTENSIONI E APPROFONDIMENTI IN NORME COLLEGATE ALLA ISO 9001
Nelle seguenti Norme vengono estesi i contenuti rispetto a quanto sopra ricordato…

4-UNA ESIGENZA SEMPRE PIÙ URGENTE: IL RECUPERO DELLA PRIORITÀ STRATEGICA DELLA COMPETENZA E CREATIVITÀ DELLE PERSONE
Anche nelle pratiche certificative (inclusi gli audit esterni e interni) è stato spesso sotto applicato il rispetto puntuale dei requisiti sopra riportati riguardanti le Risorse Umane.
E’ un altro indizio della scarsa attenzione al tema. Si constata un’insufficiente consapevolezza del fatto che…

… continua a leggere

Corso di formazione sulla norma ISO/IEC 17025:2017: “Requisiti generali per la competenza dei laboratori di prova e di taratura”

Corso di formazione

La norma ISO/IEC 17025:2017 “Requisiti generali per la competenza dei laboratori di prova e di taratura”: le novità della revisione e le modalità di adeguamento nei laboratori di prova.

Data: 7 Maggio 2018

Presso: AICQ CentroNord – Via M. Macchi, 42 – 20124, Milano

Docente: Dott. Massimo Pradella

Presentazione Corso

La revisione della norma ISO/IEC 17025 pubblicata a novembre 2017, è arrivata dopo 12 anni dalla precedente revisione del 2005 che nella sostanza non aveva portato a cambiamenti sostanziali rispetto alla versione del 2000.

Con questa nuova versione le modifiche invece sono di non poco conto e interessano sia i requisiti tecnici, che quelli gestionali.

Innanzitutto la norma possiede una nuova struttura, suddivisa in 5 parti, strettamente allineata con tutti gli standard della serie 17000.

Particolare enfasi viene data dalla norma agli aspetti di imparzialità e di riservatezza, e una maggiore attenzione alle comunicazioni verso i clienti, in particolare delle regole decisionali che permettono al laboratorio di formulare dichiarazioni di conformità a specifici requisiti.

La nuova norma si esprime con maggior chiarezza su alcuni requisiti tecnici, ad esempio per il campionamento dettaglia meglio le registrazioni da effettuare, e sulla gestione delle tecnologie di informazione.

La visione per processi delle attività del laboratorio è da considerare altra importante novità della norma.

Come tutti i cambiamenti, l’adeguamento alla nuova norma richiederà uno sforzo ai laboratori, ma porterà ad indubbi vantaggi se adeguatamente e consapevolmente gestito.

Obiettivi del corso

Acquisire le conoscenze e gli strumenti per riesaminare e adeguare il Sistema di Gestione del proprio laboratorio alla revisione della norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025.

Destinatari del corso

Direzione del laboratorio, Responsabili tecnici di laboratorio, Responsabili del sistema di gestione, Responsabili di settore, Tecnici di laboratorio, Consulenti.

Prerequisiti

Conoscenza della norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025: 2005 e dell’applicazione nei laboratori di prova.

>>Per ulteriori informazioni clicca qui.

libro baldin stumpo

Edito il Volume nato dalla collaborazione tra P. Baldin e G. R. Stumpo sulla norma ISO 9001:2015 e sui nuovi strumenti per lo studio professionale: presentazione del libro e intervista all’Avv. Stumpo

“NUOVI STRUMENTI PER LO STUDIO PROFESSIONALE”

Norme UNI EN ISO 9001:2015, Gestione dei Rischi, Sicurezza delle informazioni, Business Continuity, Responsabilità Sociale, Anticorruzione e altre norme tecniche per i Sistemi di Gestione Integrati

Struttura del Volume

Le prime 2 sezioni sono incentrate sulle norme della famiglia ISO 9000 sui sistemi di gestione qualità ed in particolare sulla norma UNI EN ISO 9001 ed. 2015 oltreché sulle diverse e più significative norme tecniche complementari alle sue previsioni, ad alto valore aggiunto per l’efficienza strategica e manageriale di Studio.
Si aggiunge la sezione 3 finalizzata a presentare alcuni dei principali argomenti su cui può essere interessante focalizzare la propria attenzione per favorire la proiezione prospettica di Studio e ad anticipare alcune delle principali sfide dei prossimi anni.

Completa il volume l’ultima sezione 4; che riporta interviste, case history e testimonianze ad alto valore aggiunto sul paino esplicativo e concettuale, rilasciate da istituzioni rappresentative di settore e/o di categoria, studi certificati, organismi di normazione, certificazione ed accreditamento dei sistemi di gestione ampiamente intesi, società di consulenza ed associazioni che hanno fatto della promozione della “cultura della qualità organizzativa”, la loro missione.

>> Clicca qui per l’indice del volume

Intervista all’Avv. Giovanna Raffaella Stumpo in merito al Volume

Nuovi modelli organizzativi per lo Studio professionale
“Il volume scritto con la Dott. ssa Paola Baldin – spiega l’Avv. Giovanna Raffaella Stumpo – nasce dall’esigenza di avvicinare gli Studi professionali all’ultima ed. 2015 della norma internazionale e tecnica UNI EN ISO 9001:2008 (Sistemi di gestione per la qualità – requisiti); che, come noto rappresenta lo standard più riconosciuto al mondo per lo sviluppo di modelli di efficienza e che consente alle Organizzazioni di qualsiasi natura, dimensione e tipo, di dotarsi di un modello di management efficiente (il SGQ – Sistema di Gestione per la Qualità) e di conseguire la “certificazione di qualità”.
Questo perché nonostante la “valenza universale” della norma tecnica detta, nel mercato delle libere professioni  – che in Italia conta secondo le ultime stime 1.300.000 professionisti autonomi- gli Studi professionali certificati a norma ISO 9001 ad oggi non superano infatti il centinaio, a fronte di oltre 22500 aziende di prodotto e servizio dei principali settori merceologici di riferimento, diversamente certificati in base alle sue disposizioni.
Eppure anche per il settore professionale vi sono interlocutori di mercato (in primis le aziende ma anche la PA) che conoscendo i vantaggi applicativi dello standard tecnico richiedono agli Studi la dimostrazione dell’esistenza di un modello organizzativo efficiente interno, o di più la certificazione UNI EN ISO 9001 quale parametro rilevante a fini di selezione in bandi o gare; o ancora per il mantenimento del rapporto fiduciario nell’affidamento di incarichi e delle commesse.
Il perché delle generali resistenze delle professioni rispetto all’utilità dello standard è imputabile a numerosi fattori, ed in primis alla errata credenza per cui di norma si pensa che le previsioni dello standard tecnico valgano per una azienda e non per uno Studio in cui operano dei liberi professionisti. Soprattutto se lo Studio è di dimensioni contenute.
Colpa forse della “vincolatività” della norma ISO ad un linguaggio tecnico manageriale a cui il Professionista medio non è avvezzo; a disposizioni sostanziali applicabili solo “per analogia” dal settore “prodotto” a quello del “servizio”; ed anche ad una certa “rigidità di impostazione documentale” che costringeva lo Studio –sino a qualche tempo fa, ed in base alle previsioni della norma ISO 9001 ed.2008- ad uno “sforzo formalizzante” di non poco momento; di fatto, ad oggi sono ancora molto pochi gli Studi professionali che conoscono le norme della famiglia ISO 9001 ed i benefici che possono derivare a livello organizzativo e di immagine dalla loro volontaria adozione.
Ma non solo.
Nel mercato delle professioni pochi sanno che nella sua revisione ultima intervenuta nel settembre 2015 la norma ISO 9001 si presenta in una veste nuova, per una durevolezza applicativa su base volontaria a valere sino al 2025. E che nella sua attuale nuova formulazione, lo standard tecnico parifica espressamente “il servizio” al “prodotto”. E’ più flessibile sul piano terminologico e documentale.
Dispone espressamente che il SGQ (Sistema di Gestione per la Qualità) ossia il modello organizzativo suggerito dalle sue disposizioni, sia  progettabile in modo mirato e su base personalizzata sul (tipo di) Organizzazione di riferimento; sottolineando la forte rilevanza dei “requisiti cogenti”, oltrechè del “contesto e degli Stakeholders rilevanti”, per la sua corretta impostazione.
Fattori questi che, sommati dal nuovo approccio “risked based” rendono la norma ISO ed. 2015 più vicina all’agire anche del professionista, oltrechè più congeniale alle logiche gestionali – operative di uno Studio Professionale.
In aggiunta alle considerazioni di cui sopra, vi è da dire che il mondo azienda – proprio perché nella considerazione applicativa delle norme tecniche sui sistemi di gestione qualità è partito prima – è da anni avvezzo a padroneggiare anche altre e diverse norme tecniche per la gestione di processi diversi da quelli coperti dalla norma ISO 9001, che sono non meno importanti e utili a livello manageriale e per il business in quanto afferiscono a tematiche collegate alla governance, all’efficienza operativa ed al marketing; tra queste rientrano le tematiche della preventivazione e gestione dei rischi, della tutela dei dati, della conoscenza e delle informazioni, degli adempimenti di compliance legislativa in materia di SS LL (Salute e Sicurezza sui Luoghi di Lavoro) e tutela ambientale; dell’esigenza di prevenire e contrastare in modo adeguato possibili fattori distorsivi della “continuità operativa”; della responsabilità sociale dell’azienda e così via.
Tutte queste tematiche, come altre più strettamente collegate al tema della qualità manageriale ISO 9001 sono regolamentate a livello internazionale e sul piano tecnico da specifiche norme ISO di riferimento, anch’esse a valenza universale. Nel volume si spiega quindi al Professionista come anch’esse siano fruibili per l’azienda tanto quanto per lo Studio professionale, vuoi per realizzare un autonomo e mirato Sistema di Gestione (ad es. SG SS LL e/o SG ambientale) o diversamente per addivenire ad un SGI (Sistema di Gestione Integrato) con quello ISO 9001.
Ancora vi è da dire che, pur con le specificità e peculiarità tipiche di ciascuna Professione, le recenti evoluzioni del contesto e del mercato in cui si trovano ad operare tutti i principali operatori, comportano sempre più un avvicinamento delle aziende di prodotto a quelle di servizio ed anche ai Professionisti. Così che a tutti – conclude l’Avv. Giovanna Raffaella Stumpo – suggeriamo un approccio agile e proattivo a fronte di nuove tematiche emergenti (industria 4.0. Internet delle cose, Smart working, reti collaborative, Big data etc.); che richiedono proiezione prospettica, propensione al cambiamento, disponibilità all’innovazione ed all’investimento di risorse e nelle nuove tecnologie dell’informazione e relative misure di sicurezza”.
h

Profilo degli autori

Paola Baldin Architetto, dal 1997 svolge l’attività di valutatore di Sistemi di Gestione per la Qualità ISO 9001 e Regolamento 303/2008 per organismi di certificazione nazionali ed internazionali nei i settori dei servizi alle imprese, studi di ingegneria e progettazione, costruzioni, imprese di installazione, conduzione e manutenzione d’impianti, industria meccanica e componentistica, commercio all’ingrosso, al dettaglio e intermediari del commercio. Ha svolto attività di consulenza e di formazione per la certificazione del Sistemi di Gestione per la Qualità secondo la ISO 9001 di numerose imprese e Studi professionali. Si è qualificata con l’Organismo di certificazione  Bureau Veritas Italia come Valutatore di Sistemi Gestione Qualità ISO 9001/2015. Per contatti ed info: pa.baldin@gmail.com

h
Giovanna Raffaella Stumpo Avvocato del Foro di Milano, Giornalista pubblicista, è autrice di numerose pubblicazioni e collabora stabilmente con primarie Case editrici e Quotidiani per l’attività di redazione specialistica nelle discipline strumentali all’esercizio della professione.  In collaborazione con Università, CNF, Consigli dell’Ordine, Scuole di formazione e Fondazioni, Associazioni ed Enti svolge con continuità attività di docenza e di progettazione di corsi nell’ambito della formazione e dell’aggiornamento professionale continuo con particolare attinenza all’organizzazione ed al management professionale. Auditor 231/2001 e Valutatore SGQ ISO 9001, è consulente per il settore dei servizi alle imprese ed agli Studi professionali nella progettazione e sviluppo di SGQ – Sistema Gestione Qualità ISO 9001, SGI – Sistemi Gestione Integrati (Qualità, Privacy, Qualità, Ambiente e Sicurezza), MOG – Modello Organizzativo Gestionale ex Dlgs. n.231/2001, Reti d’impresa e/o collaborative e nel coaching alle PMI ed ai Professionisti per progetti a finanziamento europeo. Per contatti ed info: avv.grstumpo@gmail.com

bando gara metodi statistici qualità

BANDO DI GARA PER PROGETTI O ARTICOLI – METODI STATISTICI PER IL CONTROLLO QUALITA’

Bando di gara per progetti o articoli
nell’ambito dell’applicazione dei
Metodi Statistici per il Controllo Qualità

AICQ Centronord nell’ambito della sua attività istituzionale, bandisce un concorso per il conferimento di premi per progetti o articoli relativi all’applicazione dei Metodi Statistici, che trovino un’attinenza al Controllo Qualità nelle sue diverse aree di sviluppo e di applicazione.

Per i progetti e/o articoli che comprendano i temi dei Metodi Statistici per il Controllo Qualità realizzati nel
corso dell’anno 2017/2018 vengono istituiti:

  • un premio di 1000 euro al primo classificato
  • un premio di 500 euro al secondo classificato

A tutti i partecipanti al concorso sarà offerta l’iscrizione gratuita per un anno ad AICQ Centronord.

La Commissione, esaminate le domande pervenute, assegnerà i premi, dandone notizia ai concorrenti, nel
corso del convegno organizzato dall’Associazione della Statistica Applicata che si svolgerà presso l’Università
“G. d’Annunzio” di Pescara il 13-14 settembre 2018.

>> Per conoscere il regolamento completo clicca qui.

sportello alimentare gennaio 2018

Sportello Alimentare di GENNAIO 2018

E’ uscito lo Sportello Alimentare di GENNAIO 2018

Molte news dal settore:

“La scritta senza glutine sull’etichetta di molti alimenti è fuori legge e ingannevole. Lo spiega l’avvocato Dario Dongo…”  

Estratto dell’articolo “Senza glutine? Senza esagerare” di Dario Dongo, esperto di diritto alimentare, pubblicato sul sito Gift.

“Interferenti endocrini, glifosato: la salute dei cittadini deve venire prima di tutto”

Il parlamento chiede che i pesticidi siano controllati a causa della possibile presenza di sostanze chimiche che interferiscono con le funzioni endocrine.

E molti eventi da ricordare, tra i quali:

Sigep – fiera internazionale della gelateria, pasticceria, panificazione artigianali e caffè
(20 – 24 gennaio 2018)
Fiera di Rimini, Expo Centre
Info- www.sigep.it

Marca – Mostra convegno dedicata al mondo della marca commerciale
(17 – 18 gennaio 2018)
BolognaFiere
Info- http://www.marca.bolognafiere.it

Per consultare e scaricare il bollettino completo clicca qui!

quadro alimentare

Sportello Alimentare di DICEMBRE 2017

E’ uscito lo Sportello Alimentare di DICEMBRE 2017

 

Molte news dal settore:

“Etichette a semaforo, la Francia pubblica il decreto sul Nutri-Score che diventa così ufficiale dopo il via libera della Commissione Ue”

“Occhio alle zucche, non tutte si possono mangiare! In Francia 350 intossicazioni in cinque anni. Le raccomandazioni dell’Anses…”

 

E molti eventi da ricordare, tra i quali:

“House of quality” workshop gratuito

Milano – 20 dicembre 2017 (14 – 18)
Aicq Centronord – via Mauro Macchi, 42

Convention CSQA
Vicenza Viest Hotel – 9-10 gennaio 2018
CSQA certificazioni Srl

 

Per consultare e scaricare il bollettino completo clicca qui!

 

Bando Gara Tesi

PROROGATO AL 31 MARZO 2018 IL BANDO DI GARA PER TESI DI LAUREA O DOTTORATO

Bando di gara per tesi di laurea o dottorato sui temi di Qualità, Ambiente, Salute e Sicurezza, Responsabilità Sociale nell’ambito dell’applicazione dei metodi statistici per il controllo della Qualità

TERMINE PROROGATO AL 31 MARZO 2018

1. AICQ Centronord con sede a Milano, nell’ambito della sua attività istituzionale, bandisce un concorso per il conferimento di premi per tesi di laurea specialistica o di dottorato di ricerca, relative alle metodologie tecniche ed organizzative di Qualità, Ambiente, Salute & Sicurezza, Responsabilità Sociale, e loro applicazioni, purché aventi spiccato carattere innovativo e sperimentale.
Le tesi dovranno appartenere agli atenei della Regione Lombardia.

Questo premio è dedicato in memoria del Professore Angelo Zanella, Professore ordinario di Statistica e Direttore dell’istituto di Statistica della facoltà di Economia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Angelo Zanella ha dato lustro alla AICQ Centronord con il suo intenso coinvolgimento, mediante interventi scientifici e organizzativi, con particolare attenzione alle tematiche della gestione aziendale e del controllo statistico della qualità.

2. Per le tesi discusse ed approvate entro il 31 marzo 2018 viene istituito
• Un premio di 1000 euro per una tesi di laurea che comprenda i temi di cui sopra e che sia rivolto prevalentemente ai Metodi Statici per la Qualità.
• Un premio di 500 euro al secondo classificato.
• A tutti i partecipanti al concorso sarà offerta l’iscrizione gratuita per un anno ad AICQ Centronord.

3. Coloro che intendono concorrere all’attribuzione del premio dovranno inviare entro il 31 marzo 2018 alla Segreteria di AICQ Centronord (e-mail: segreteria@aicqcn.it) la domanda corredata da tutti i dati personali: indirizzo, recapito telefonico, curriculum vitae e voto di laurea conseguito con copia della tesi in formato digitale pdf e autocertificazione che la stessa non sia stata presentata ad altre associazioni territoriali AICQ.

4. La Commissione giudicatrice sarà nominata da AICQ Centronord ed il suo giudizio sarà insindacabile.

5. La Commissione, esaminate le domande pervenute, assegnerà i premi, dandone notizia ai concorrenti.

6. Le tesi vincenti non saranno restituite e l’Associazione si riserva il diritto di pubblicare i lavori premiati o una loro parte sulla propria rivista o in altra forma, previo accordo con l’interessato, e di presentarli in occasione di una propria manifestazione.

7. Le tesi non potranno concorrere ad altri premi per tesi di laurea indetti da altre associazioni territoriali della Federazione Nazionale di AICQ.

Il Presidente

Ing. Maurizio Conti

AICQ Centronord
20124 Milano – Via M. Macchi, 42 – Tel. 02 67382158 – Fax 02 67382177 – C.F. 80098870159
Sito Internet: www.aicqcn.it – e-mail: segreteria@aicqcn.it